SPINO D’ADDA – Poli annuncia: “I risparmi dei lavori sulla Paullese rimarranno a disposizione da investire sulle opere compensative”.

poliSPINO D’ADDA – L’incontro in Regione Lombardia tra una delegazione di sindaci di paesi posti lungo l’asse della Paullese e l’assessore Alessandro Sorte è stato definito positivo. Il consigliere regionale Carlo Malvezzi ha spiegato: “Abbiamo compiuto un deciso passo in avanti verso la realizzazione del ponte sull’Adda e del tratto mancante tra Spino d’Adda e Zelo Buon Persico. Dopo l’atto di indirizzo da me proposto e approvato a grande maggioranza nella seduta di bilancio del Consiglio regionale a fine dicembre, oggi l’Assessore ha confermato la priorità dell’opera e anche Presidenti della Provincia di Cremona e Lodi hanno sottolineato l’urgenza di completarle il collegamento. Sorte ha dichiarato che si impegna a reperire il 1,5 milione mancante per il nuovo ponte sull’Adda dalle economie che si renderanno disponibili sui lavori conclusi e a trovare i 15 milioni mancanti per potenziare l’asta della Paullese, sfruttando gli spazi aperti dal ‘Patto per la Lombardia’ e portando la proposta di completamento dell’opera al tavolo di Presidenza e della Giunta”.

Luigi Poli, sindaco di Spino d’Adda, presente con il suo vice, ha chiesto, a nome  dei sindaci del Cremasco che il completamento della Paullese possa avvenire nel più breve tempo possibile. Ha spiegato che “nello specifico si è fatto il punto sui cantieri. In ottobre saranno appaltati i lavori sul secondo lotto, tratto A, della Paullese (dal ponte sulla Cerca alla rotonda di Zelo-Paullo). I lavori dovrebbero partire a marzo del 2018. Devono essere appostate invece le risorse necessarie per il secondo stralcio del secondo lotto (il tratto da Zelo al ponte): sui 23 milioni stimati ne mancano 15. E così devono essere reperite anche le risorse per il pieno finanziamento del raddoppio del ponte, su 17, 5 milioni ne manca 1, 5”.

Il presidente della Provincia di Cremona Davide Viola ha chiesto rassicurazione su questo e sulla conferma delle tempistiche inerenti gli interventi in itinere.  A Cremona spetta realizzare il Ponte, per cui a Viola interessava sapere se verrà garantito sin da subito l’intero finanziamento dell’opera.

Poli ha accennato anche alle opere compensative (tra cui la bretella): “I risparmi rimarranno a disposizione del lotto in questione, quello cremonese, quindi da investire sulle opere compensative. Una domanda precisa che abbiamo fatto all’assessore regionale. Per noi queste risorse sono preziose per ridare una viabilità funzionale al nostro comune. Opere che dovevano essere realizzate in passato, ma che non sono mai state realizzate, che contiamo di poter dare ai nostri cittadini”.

Sorte ha comunicato: “Confermiamo il nostro impegno per trovare le risorse per il nuovo Ponte sull’Adda, tema su cui anche il presidente Maroni ha dimostrato grande sensibilità. Grazie all’azione politica dei territori e del Consiglio regionale sarà dunque possibile trovare le risorse che ancora mancano sfruttando, laddove necessario, anche gli spazi aperti dal ‘Patto per la Lombardia”.

Condividi questo articolo

Share to Facebook
Share to Google Buzz
Share to Google Plus
Share to LiveJournal
Share to MyWorld
Share to Odnoklassniki
, , , ,

About silvia*

Sono una giornalista professionista. Questi sono i miei articoli (e foto) relativi i comuni di Rivolta d'Adda, Agnadello, Spino d'Adda, Pandino, Palazzo Pignano, Dovera.

View all posts by silvia*

No comments yet.

Leave a Reply

provamelo * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.