DOVERA – Aumenta la Tari, e si investe sulla rete fognaria

17 marzo 2017

dovera

MIRKO SIGNORONI

DOVERA – Mercoledì sera, presentando il bilancio del comune di Dovera, il sindaco Mirko Signoroni ha voluto ricordare che si tratta di un bilancio che punta come prima opera all’accorpamento delle due scuole, “che quest’ anno arriverà a conclusione. Ieri in parte sono state liberate le risorse necessarie. A febbraio abbiamo chiesto di poter liberare 120 mila euro dal nostro avanzo di amministrazione e ieri il ministero ci ha autorizzato a farlo”. Signoroni ha spiegato di aver chiesto 120 mila euro  “perché ipotizziamo di spendere questa cifra per la progettazione  nel corso del 2017. Se la regione ci darà  il via libera ai fondi bei allora procederemo comunicando la nostra reale esigenza economica al ministero”. Signoroni ha ricordato che è  Scrp che sta portando avanti l’iter per arrivare alla progettazione esecutiva. L’accorpamento necessita di 2.800mila euro dalla regione per essere effettuato, cui si aggiungono 700mila euro di risorse comunali.
Dovera è stata inoltre  ammessa a un finanziamento pari a 2 milioni di euro di investimenti fognari su Postino e su via Folla nel piano d’ambito. Seguirà un altro milione di investimenti sulla zona nord di Dovera. Investimenti ovviamente  a carico del gestore, Padania Acque. Dovera è infine capofila di 19 comuni nel Bando efficientamento energetico per sostituire parte dell’illuminazione e realizzarla in zona dei tigli.
L’assessore al bilancio Andrea Ciribelli nella sua presentazione ha ricordato che a bilancio sono state confermate tutte le tariffe a carico dei cittadini tranne la Tari (che aumenta, ma ha detto il capogruppo di minoranza Carlo Viganò “non ci sono margini di manovra perché è una partita di giro”). Tra le entrate extratributarie, la vendita dello scuolabus per 3.500 euro, , il contributo Intercos di 4mila euro per il germoglio, i fitti dalle antenne (13.500).Tra le sperse correnti 103mila euro per l’illuminazione pubblica (da aggiungere 33mila euro per il riscatto dei pali), 11mila euro per la gestione del territorio, 25mila euro  per il Servizio Idrico Integrato, 51.300 euro per il verde, 359mila euro per il servizio smaltimento rifiuti, 21.500 euro per servizi cimiteriali, 210mila euro per assistenza.

Più in dettaglio, per utenze alla scuola materna si spenderanno 16.500 euro, per le primarie 28mila euro, per la media 19mila euro. La spesa per i trasporti scolastici è di 32mila euro, per le palestre di 500 euro, cui si aggiungono 9mila euro per il potenziamento delle luci, il telone del campo tennis per 168mila euro) zero per le attività parascolastiche, 22mila euro per la manutenzione della palestra e 25mila euro per il diritto allo studio. 5mila euro vanno alla biblioteca (e sono comprensivi di libri, materiale di cancelleria,m stampanti e riviste) e 8.500 euro sono stati stanziati per prestazioni artistiche e culturali. Per il sostentamento delle feste giovanili 500 euro, per la promozione di attività sportive e ricreative 20mila euro. Manutenzione immobili 24mila euro, rifacimento della segnaletica stradale 16mila euro, rimozione neve 4mila euro, pulizia strade (costo operai) 56mila euro. Sul sociale le spese sono: 20mila euro per le quote di Comunità sociale, 9mila euro per il trasporto sociale, 3.500 euro per l’Informagiovani, 80mila euro per stipendio assistente sociale, assistenza anziani e bisognosi (la slide di Ciribelli presentava le voci accorpate!), 51.500 per assistenza ad personam, e 60mila per i ricoverati in casa di riposo.

Le entrate da oneri sono previste in 60mila euro.

Condividi questo articolo

Share to Facebook
Share to Google Buzz
Share to Google Plus
Share to LiveJournal
Share to MyWorld
Share to Odnoklassniki
, , , , ,

About silvia*

Sono una giornalista professionista. Questi sono i miei articoli (e foto) relativi i comuni di Rivolta d'Adda, Agnadello, Spino d'Adda, Pandino, Palazzo Pignano, Dovera.

View all posts by silvia*

No comments yet.

Leave a Reply

provamelo * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.