AGNADELLO – Malvezzi in visita alle aziende, con l’ex sindaco, non con l’attuale

31 gennaio 2017

agnadello

AL BAR GIARDINO, CON UBERTI E BELLI

AL BAR GIARDINO, CON UBERTI E BELLI

AGNADELLO – Venerdì mattina il consigliere regionale Carlo Malvezzi (Nuovo Centrodestra) si è recato in visita ad Agnadello. Dopo aver incontrato il sindaco, Giovanni Calderara, si è recato al Bar Giardino, locale storico riconosciuto da Regione Lombardia, per un aperitivo, a pranzo al Feudo e in visita alla Minutec e al Caseificio del Cigno. Con il consigliere comunale (leghista) Mario Uberti e con l’ex sindaco Marco Belli, di Trigolo, che Malvezzi ha definito “amici”, senza accennare ai loro ruoli amministrativi passati o presenti. I due sono presenti in ogni foto della visita.

Al bar Giardino Malvezzi ha incontrato la signora Teresa Quaini e la figlia Carolina Agenori. “Ho ascoltato con interesse la storia personale e imprenditoriale della signora Teresa che nel 1960 ha aperto il bar Gioiello con il marito, una storia fatta di tanto impegno e dedizione. Valori che ha trasmesso alla figlia Carolina che ha ereditato dalla mamma la stessa passione. Al termine della breve visita la signora Teresa mi ha invitato il 6 maggio per festeggiare con lei il suo ottantesimo compleanno. Sarà un onore esserci”. Poi all‘antica cascina Il Feudo, resort da ormai 13 anni, di proprietà di Claudio Danelli, imprenditore nel settore delle tende. “La cucina è ottima. Da qualche mese, Danelli ha completato la ristrutturazione del secondo grande edificio ex agricolo destinandolo ad hotel resort a 4 stelle: 16 camere da letto, piscina e una personal private Spa. A pochi chilometri da Milano questa struttura ricettiva dà valore al territorio cremasco per le sue caratteristiche originali”. Quindi alla Minutec, una piccola azienda di minuteria meccanica che produce componenti per l’automotive e per quadri elettromeccanici. “L’organizzazione e la struttura è essenziale: il titolare Francesco Antonelli si occupa della produzione, la moglie Clara cura l’amministrazione e i tre operai meccanici sono cresciuti con l’azienda. Provo molta stima e ammirazione per questi imprenditori che rappresentano la vera maglia di tenuta del sistema economico lombardo. La crisi è servita per selezionare la clientela e per dotarsi delle attrezzature necessarie per essere competitivi. Ogni operatore lavora sul suo tornio a controllo numerico. Non dimenticando mai la prudenza che anima le persone più sagge, c’è ancora voglia di investire. Un anno fa la Minutec si è allargata acquistando una porzione di capannone confinante e ora si pensa di acquistare una nuova attrezzatura. Abbiamo parlato delle agevolazioni fiscali relative all’iper ammortamento e delle tante opportunità che Regione Lombardia offre per le imprese. Sono uscito dalla Minutec dopo circa un’ora rafforzato nella mia convinzione: nonostante uno Stato inefficiente e sprecone, l’Italia può ripartire grazie a persone così”.

AL CASEIFICIO DEL CIGNO

AL CASEIFICIO DEL CIGNO

Infine, il Caseificio del Cigno, la più importante azienda di Agnadello.  I titolari sono Tiziano e Giancarlo Oggionni (Giancarlo era presente a ricevere Malvezzi), che hanno ereditato dal padre il caseificio, arrivato ad Agnadelo nel 1983. “Oggi il Caseificio del Cigno è una realtà produttiva importante che occupa circa 70 persone e che distribuisce i suoi prodotti in tutta la Lombardia con qualche punta all’estero. Sono i formaggi freschi le specialità più apprezzate: mozzarella, ricotta, mascarpone, scamorze bianche e affumicate. Si lavorano ogni giorno 1000/1200 quintali di latte italiano, anzi lombardo”.

Ma come mai Malvezzi ha deciso di fare la sua visita con l’ex sindaco e un consigliere di minoranza che, tra l’altro, non era neppure il candidato sindaco della lista di Centrodestra (il candidato era Ernesto Rossini, che tutt’ora siede in consiglio comunale)? Pare che la visita sia stata organizzata e richiesta proprio da Belli ed Uberti. Il sindaco Calderara dice infatti di aver ricevuto la telefonata di invito a incontrare Malvezzi in comune per venerdì alle 11.30 e di avere accettato. Uberti e Belli non sono saliti in comune. “Non voglio fare polemica con Malvezzi – sottolinea Calderara, interpellato – Abbiamo avito un incontro piacevole, e il consigliere è libero di fare quello che vuole. Con lui ho parlato dei due argomenti del giorno: la rotonda sulla Bergamina e il costo degli affidi in comunità”.

 

 

 

Condividi questo articolo

Share to Facebook
Share to Google Buzz
Share to Google Plus
Share to LiveJournal
Share to MyWorld
Share to Odnoklassniki
, , , , , , , ,

About silvia*

Sono una giornalista professionista. Questi sono i miei articoli (e foto) relativi i comuni di Rivolta d'Adda, Agnadello, Spino d'Adda, Pandino, Palazzo Pignano, Dovera.

View all posts by silvia*

No comments yet.

Leave a Reply

provamelo * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.